cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

domenica 24 marzo 2013

Uovo di cioccolata... ma sotto c'è una soffice torta...


Sarete sicuramente d'accordo con me nel considerare l'uovo di Pasqua un gran bel business! 
I bambini non vogliono rinunciarci; io sfoglio le offerte, le nonne delegano per evitare di sbagliare soggetto... IL SOGGETTO DELLA SORPRESA... ma che sorpresa è se già ti hanno fatto vedere che cosa puoi trovarci dentro?  
La sorpresa è per chi, ad un certo punto decide di guardare anche il prezzo al kg dell'uovo di cioccolata che sta acquistando: dai 30 ai 50 €. Sarà, ma per 50€ al kg preferisco andare in una cioccolateria artigianale e far mettere dentro la sorpresa che mi pare - che così è realmente una sorpresa!:-) - e non ritrovarmi a tutte le Pasque con kg di cioccolata più o meno decente, che non voglio buttare e quindi mangiamo finché non finisce!:-( 


Voglio però ora abbandonare questa visione meramente razionale intorno all'uovo di cioccolata e osservarne la parte più romantica!
Mi è capitato infatti, mentre scattavo la foto appena sopra, di associare l'uovo alla primavera della vita: la pancia di una futura mamma! Ma com'è che non ci avevo mai fatto caso che le forme erano così simili? Così come lo sono spesso i semi delle piante.  
Custoditi nella pancia di un mammifero, nella membrana di un uovo, o al calduccio sotto terra, ogni seme prende forma per poi essere accudito, nutrito, amato. Ogni essere vegetale, animale, umano condividono il destino della vita. 
Le femmine sono essenziali per la riproduzione della vita. Non per questo i maschi non sono altrettanto importanti nell'accudire la prole. 
La primavera è quindi donna - o femmina, volendo utilizzare un termine più tecnico - come nel famoso quadro di Botticelli? 
Penso di sì, non solo perchè in grado di custodire e generare una vita, ma come nella leggenda di Adamo ed Eva, può diventare la "primavera" nella vita di un qualsiasi uomo, perchè anche l'amore in sé è espressione di vita!:-) 
Condivido allora con voi il quadro e la poesia di un amico, artista poliedrico, di origine cubana, la cui fonte di ispirazione è la vita che gli gira intorno. Farmacista - e ricercatore farmaceutico fino a qualche anno fa - è stato recentemente insignito di vari riconoscimenti per i suoi quadri, nonché con grande soddisfazione, qualche anno fa, ha visto pubblicato il suo libro di poesie "Labile soffio di parole". 
Naturalmente, anche per lui vale la regola che "dietro ad ogni grande uomo c'è sempre una grande donna!":-) 

NOMADI DUNE DI DONNE NUDE
(Olio su Tela 50x70cm)
Julio Padron

Nomadi dune di donne nude
avvolgono il tempio del silenzio
dove l'uomo non sente altro che il rombo sordo del  desiderio

Nomadi dune di donne nude
custodiscono in segreto il valor del volar  del tempo
quando l'uomo non fa altro che lottare inutilmente per essere eterno

Nomadi dune di donne nude
come la sabbia che porta via il vento
sono la lattea via dove germina dalla materia l'intelletto
... mentre l'uomo resta dall'utero,
come un satellite in orbita
nell'ombra del mistero.

Nomadi dune di donne nude
come miraggio dell'oasi nel deserto
mi sono apparse sognando sveglio
la profumata essenza profonda dell'universo.

E dopo questo alternarsi di osservazioni razionali, romantiche, artistiche e poetiche, non resta che passare alla parte pratica:-) 
Ho trovato per caso un contenitore ovale di quelli monouso - che non butto finché non si rompono. Si, proprio quelle che pensi che ti serviranno e rimangono per mesi, anni, in fondo, dentro ad uno sportello della dispensa e che poi... toh, guarda che bella forma! 

E allora ho voluto fare il mio dolce per la colazione di Pasqua - lo ammetto, noi abbiamo fatto un prova per la colazione delle Palme e replicheremo - che sembra un classico uovo di cioccolata di una famosissima marca svizzera... invece non è frutta secca, e non è vuoto! 
La base è la ricetta di una torta da colazione o da tè, sofficissima, senza burro, semplice da preparare. La ricetta è della mamma di un ex collega, che ogni tanto preparava per deliziare i colleghi del figlio a colazione o per la pausa del pomeriggio: non si riusciva a resistere! Grazie Marco, ti penso tutte le volte che la preparo!:-) Così ho chiesto la ricetta, che custodisco nel mio storico ricettario in cui vengono trascritte solo ricette buone, e che passano di mano in mano. 


Ingredienti

3 uova
180 zucchero
90 gr di olio di semi (io semi di girasole, Bio, Coop)
90 gr di latte (o se preferite panna fresca)
150 gr di farina 00 
90 gr di fecola di patate
un pizzico di vaniglia in polvere - o gocce se liquida
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale

per la decorazione:

150 gr di cioccolato fondente (io Coop) 
70 gr di cioccolato al latte (io Coop)
3-4 cucchiai di farro soffiato (io Farro soffiato dell'Az. Agr. Poggi

Attrezzatura:
teglia ovale - la mia è Cuki
carta forno

Procedo col Bimby. Naturalmente se non l'avete potete procedere con uno sbattitore. Mettere nel boccale le uova insieme allo zucchero e il sale: 4' vel. 3-4. Le uova alla fine saranno molto chiare e sono pronte solo quando, smettendo di montarle, si formeranno delle bollicine che si gonfiano fino a rompersi. 
Aggiungere l'olio e il latte (o panna). 
Pesare la farina e la fecola e mescolarle insieme al lievito e alla vaniglia. Azionare il Bimby ancora per 5' e con le lame in movimento aggiungere il mix di farine dal foro a cucchiaiate. 
Rivestire con carta forno bagnata e strizzata la teglia d'alluminio, versare l'impasto e cuocere a 180° per 40', sul ripiano medio basso. A fine cottura - sempre prova stecchino - sfornare e lasciare intiepidire prima di togliere dalla teglia. Quindi lasciar finire di raffreddare, preferibilmente su una griglia. 
Per la copertura. Nel boccale del Bimby pulito e asciutto inserire la cioccolata e tritare: 10'' vel. 9-10. Sciogliere la cioccolata: 3', 50°, vel. 3. Recuperare la cioccolata rimasta ai bordi del boccale e continuare altri 3', 50°, vel. 3. Versare sulla torta e spalamare con una spatola d'acciaio, avendo cura di lasciare un po' di cioccolata nel boccale a cui aggiungerete il farro soffiato. Amalgamare: 1', 50°, vel. 1 antiorario. Versare sulla torta e spalmare più omogeneamente possibile. Lasciare quindi risolidificare la cioccolata all'aria. Quindi conservare come un ciambellone qualsiasi. 
La torta può essere naturalmente preparata anche senza copertura al cioccolato. 
Buona colazione di Pasqua!:-) 

Con questo dolce partecipo al contest Keep Calm And Drink Tea } di Valy Cake and


 nonché al contest "Il tempo in cucina. Una dolce Pasqua" ideato da Dana di "Il tempo in cucina"




nonché alla Raccolta di Marzo "Voglia di torte" ideata da Sonia di "Oggi pane e salame, domani...




 Alla prossima!
Maria Luisa:-) 



5 commenti:

  1. Ciao Maria Luisa complimenti per questo bel post, molto carino anche il quadro del tuo amico. La torta è meravigliosa, lo sai che non avevo fatto caso sui contenitori monouso ovali, li vado a cercare!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. che spettacolo la tua torta e il quadro, mi piace moltissimo anche la torta zebrata qui sotto
    baci

    RispondiElimina
  3. Vallo a far capire ai bambini. Per lo meno se prendi l'uovo kinder oltre a trovare quello che loro vogliono, mangiano anche della cioccolata che, sotto forma di barrette o di uova mignon, gli avresti comprato comunque, anche se i prezzi lasciano a desiderare!

    RispondiElimina
  4. che meraviglia...mi hai fatto venire un'idea favolosa!!!

    RispondiElimina
  5. Concordo, anzi ti dirò di più: mio padre preferiva spendere la stessa cifra in cioccolato e ne veniva tantissimo, non finiva mai!
    Questa ricetta mi piace un sacco e penso proprio di provarla, un ottimo impasto e il farro sotto il cioccolato è da sballo.
    Grazie. inserisco.
    A presto!

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...